browser icon
You are using an insecure version of your web browser. Please update your browser!
Using an outdated browser makes your computer unsafe. For a safer, faster, more enjoyable user experience, please update your browser today or try a newer browser.

Pleurotus dryinus

Classe:                        Basidiomiceti
Nome scientifico:  Pleurotus dryinus  Kummer

Caratteristiche morfologiche

Cappello: 5-10 cm, laterale, prima convesso poi quasi piano, biancastro, coperto da un tomento bruno-sporco, a volte piu’ chiaro, che si scinde in squame appressate simili a macchie, che divengono bruno-grigiastre, spesso con orlo appendicolato per resti di velo membranoso-tomentoso.
Lamelle: bianche, giallastre con l’eta’, decorrenti, basse, semplici.
Gambo: 2,5-5 cm, solido, pieno, tenace, eccentrico, bianco, quasi lanoso, tomentoso, con piede affusolato.
Carne: bianca, spessa, solida, con odore e sapore gradevoli, simili al prataiolo coltivato.
Spore: bianche.

 

 

Pleurotus dryinus

Pleurotus dryinus

Pleurotus dryinus

Pleurotus dryinus

 

 

 

 

 

 

 

Commestibilità, habitat e osservazioni

Relazione con l’ambiente vegetale circostante: fungo saprofita-parassita.
Il nome deriva dal greco “delle querce”. Cresce su tronchi, anche viventi, di latifoglie, in particolare querce, aceri, salici e noci. Dalla fine dell’estate ai mesi invernali.
Buon commestibile.

 


Privacy © Copyright Funghi Italiani 2013 Tutti i Diritti Riservati